Editoriale di Edmondo Bertussi

Per una rivolta morale   Con gli auguri di Buon Natale e di un Anno Nuovo più sereno di quello che abbiamo “attraversato”, si offrono pic­coli spunti per importanti riflessioni con chi abbiamo vicino e più caro, figli, ni­poti, amici. L’impressione è che se non si riparte da li, in casa, quotidianamen­te, con tenacia, sia cominciata una de­riva con approdo … Continua a leggere

Monumento alla Resistenza a Gardone VT

31 Maggio: il Monumento alla Resistenza a Gardone Val Trompia Si è inaugurato,con grandissima festa, il 31 maggio a Gardone VT nel nuovo parco in zona centralissima (ex Redaelli) il monumento alla Resistenza che, volutamente per ricordare tutte le sue componenti non porta nomi ma solo il testo di Calamandrei sulla Costituzione e la preghiera del Ribelle di Teresio Olivelli. … Continua a leggere

Le Foibe: oltre i silenzi, le rimozioni, le strumentalizzazioni

Questo il titolo di un convegno pro­mosso dalla rivista “Storia e Memoria”, semestrale dell’Istituto Ligure per la storia della Resistenza e dell’età con­temporanea. Con la partecipazione dei più qualificati studiosi della mate­ria: Vinci, Mantelli, Bertuzzi, Spazzali, Troha, Rumici, Oliva, Pupo, Belci, Germinario. Certo è che il silenzio che per lun­go tempo ha accompagnato que­sto fenomeno, una sorta di rimo­zione politico-freudiana, … Continua a leggere

Foibe: il contributo di Adriano Moratto

Mi fa sempre uno strano effetto scrive­re, parlare di foibe come di una storia dimenticata. Sono figlio di esuli da Pola e ho sempre sentito parlare di foibe (seppur fugacemente) come mo­nito contro le barbarie di ogni guerra. “G’avemo cominsià noi, poi lòri i gà fato péso” ripeteva mia nonna, mesco­lando ricordi e propaganda filo-italiana dell’epoca. Sono rimasto perciò sor­preso … Continua a leggere

Se un giorno d’estate un pellegrino a Mauthausen

Mauthausen, nell’immaginario comune, significa inferno per antonomasia. E’ quindi con un certo stupore che, arrivandoci ad agosto, il pellegrino si trova in un posto paradisiaco, tutt’altro che cupo e triste: colline verde smeraldo, briciole di case sparpagliate, qualche campanile aguzzo, a ricordare la presenza di uomini e donne di fede. Sullo sfondo, solenne e non troppo lontana, la corona alpina. … Continua a leggere

I ragazzi di Salò

Dei “ragazzi di Salò” si parla e sparla da oltre 60 anni a torto e ragione, con cognizione e non, a fascisti e antifascisti: insomma, con confusione, superficialità e generalizzazioni che meritano chiarezza. Ne sparlarono i partigiani, invitò a ragionarci su e anche comprenderli nel 1996 il comunista Violante quan­do si insediò alla Presidenza della Camera, li evoca con un … Continua a leggere

Achtung Racism

  Nelle scorse settimane il Giornale di Brescia, a conclusione di un servizio sulla sanatoria delle badanti, pubblica­va l’esito di un sondaggio sul reato di clandestinità recentemente introdotto dal nostro governo. Ebbene, simulando una maldestra sorpresa, il giornale da­va un consenso del 60% al provvedi­mento del governo, con ciò, dando l’ennesimo contributo all’opera di ab­brutimento del senso comune in corso … Continua a leggere

Strage di Brescia, le ultime sul processo

È, ripreso aopo la pausa estiva, il processo per la strage di Piazza della Loggia. “A rispondere dell’attentato del 28 maggio 1974 che costò la vita a otto persone, davanti alla corte d’assise presieduta da Enrico Fischetti (a latere Antonio Minervini), ci sono cinque imputati. Rispondono di concorso in strage Delfo Zorzi, ordinovista veneto che vive in Giappone, Carlo Maria … Continua a leggere

Libri

Storia di 23.826 italiani deportati in Germania Per gli «assassini della memoria» c’è un nuovo, insormontabile, ostacolo: nomi, dati anagrafici e storia dei 23.826 italiani (22.204 uomini e 1.514 donne) deportati, tra il 1943 e il 1945, per mo­tivi politici in Germania nei campi di concentramento. Un lavoro gigantesco promosso dall’ Associazione nazionale deportati (An ed) che ora trova sistema­zione … Continua a leggere

Concorso “I giovani e la memoria”

  La consegna dei premi   Anche questa edizione, pur senza grande clamore, ma con la forza dei con­vincimenti, si conclude premiando i mi­gliori, che hanno portato il proprio contri­buto alla conoscenza critica della storia più recente, dando un segnale di spe­ranza per un loro futuro di consapevolez­za civica. Sabato 24 ottobre si è potuto assistere, infatti, alla fase finale … Continua a leggere